Disabilità e barriere architettoniche | Kimap: un’app e un progetto innovativo per mappare e scansare le barriere

 

foto-kimap.png

 

Un ecosistema digitale pensato per facilitare gli spostamenti delle persone con disabilità motoria grazie all’utilizzo di uno smartphone: è il progetto Kimap, nato da una start up fiorentina.

Muoversi liberamente attraversando un percorso privo di barriere architettoniche. Conoscere in anticipo gli ostacoli presenti lungo la strada, anche quelli temporanei, per poterli schivare con successo e trovare un passaggio alternativo. Sapere qual è la via migliore da percorrere in base al mezzo di cui si dispone, sia esso un triciclo, una carrozzina o un mezzo a motore. Informazioni indispensabili per garantire la libertà di movimento e la piena autonomia alle persone con disabilità motoria.

Tutto questo è possibile grazie a Kimap, l’innovativo ecosistema digitale ideato dalla start up fiorentina Kinoa che promette di migliorare la mobilità delle persone con disabilità motoria grazie al semplice utilizzo di uno smartphone. “Kimap nasce quasi per caso, come progetto collaterale tratto da alcune ricerche nell’ambito dei Big Data”, racconta Lapo Cecconi, che insieme a Marco Scarselli è co-founder di Kinoa, realtà spin-off di reteSviluppo, impegnata nella realizzazione di prodotti innovativi attraverso l’integrazione di Big Data e tecnologie di Internet of Things.

“Io e Marco stavamo lavorando alla creazione di uno strumento di mappatura, finalizzato al recupero di dati in campo socio-economico. Abbiamo tentato di applicare lo stesso strumento ad altri ambiti, coniugando le attività di ricerca al recupero di dati”. Cos’è esattamente Kimap? “Si tratta di un ecosistema tecnologico costituito da più componenti complementari, di natura eterogenea e in stretta relazione tra loro”, spiega Cecconi.

Uno degli elementi cardine dell’ecosistema digitale Kimap è un’applicazione per smartphone, un vero e proprio navigatore grazie a cui l’utente, in modo semplice e intuitivo, può impostare come parametro per la selezione del percorso il livello di qualità del terreno desiderato, così da evitare strade sconnesse o gradini troppo alti. Allo stesso tempo, l’app è in grado di ottenere tutte le informazioni necessarie a classificare in modo puntuale il territorio urbano ed extraurbano dal punto di vista dell’accessibilità. Grazie a sistemi di geolocalizzazione evoluti, l’app mantiene sempre aggiornato il proprio database, rilevando in tempo reale eventuali cambiamenti nella viabilità di marciapiedi e strade.

Il mio commento?
Iniziativa e progetto davvero interessanti; è stato bello conoscere il Team di Kimap per capire e far capire, a un numero sempre più grande di cittadini che il mondo è bello visto anche da una carrozzina, motorizzata o manuale e che l’accessibilità diventa ESSENZIALE per chiunque voglia liberamente muoversi in ogni città d’Italia e del Mondo.
 Allora … W KIMAP!
e #MOLLALOSCIVOLO!
                                                                                                                  Andrea Mucci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...