I ragazzi del “Bianchi-Virginio” con gli invisibili e contro le barriere …

Primi al concorso nazionale “I futuri geometri progettano l’accessibilità”, sezione edifici pubblici

8b81d662-219d-425e-8114-c3f43164d689.jpg[1].jpg

Lo scorso 5 giugno, alla Camera dei Deputati di Roma, gli studenti dell’Istituto per geometri “Bianchi-Virginio” di Cuneo sono stati premiati per essersi aggiudicati il concorso nazionale “I futuri geometri progettano l’accessibilità” nella sezione dedicata gli Edifici pubblici.

Con il progetto “Nessuno è invisibile” i ragazzi si sono concentrati sulla riqualificazione e l’abbattimento delle barriere architettoniche degli ex Bagni pubblici della città piemontese prevedendo la realizzazione di un centro diurno per i senzatetto. 

“In questa epoca di intolleranze e indifferenza – dicono le Insegnanti Luisa Barutta e Marcella Coscia – abbiamo voluto sensibilizzare i ragazzi sull’abbattimento delle barriere non solo architettoniche ma anche culturali e sociali”.

Geometri Cuneo

Il progetto

Il luogo scelto è stato il palazzo degli ex Bagni municipali, costruzione degli anni Venti di via Vittorio Amedeo Secondo 20, abitata fino agli anni Ottanta e oggi è un magazzino comunale. La struttura era un importante presidio igienico della città che è andata in disuso non appena i bagni venivano installati nelle case private. All’interno si trovavano bagni e docce separate per uomini e donne, oltre a docce comuni per le scuole e un impianto di lavanderia.

I futuri geometri si sono confrontati con l’immobile, studiandolo e con sopralluoghi in cui hanno rilevato in particolare gli interventi opportuni per superare le barriere architettoniche e le situazioni non a norma. È stato pensato un ascensore per superare i dislivelli, sostituire le porte d’ingresso, il rifacimento dei pavimenti e la sostituzione di griglie e tombini. La ristrutturazione prevede anche serramenti e nuovi servizi igienici.

Più in generale c’era da pensare alla destinazione d’uso. La scelta è avvenuta dopo il confronto con il Comune e la Caritas diocesana in cui è stata individuata come possibile dimora diurna per persone senza fissa dimora. Così gli studenti hanno ascoltato le esigenze di alcuni senzatetto per poter progettare anche gli interni.

“Le loro necessità quotidiane – scrivono sul progetto – più urgenti da inserire nel progetto sono usufruire di bagni e docce calde, cambio abiti e lavanderia, leggere i giornali, giocare a carte, ma soprattutto trovare un po’ di conforto, occasioni di socializzazione e supporto psicologico, sanitario e legale con personale qualificato durante le ore del giorno”.

 

Ben vengano progetti simili a questo, che riescano a coniugare i valori umani di accoglienza, rispetto e inclusione con le esigenze e i diritti dei più deboli: dando voce a chi non l’ha, possiamo combattere l’emarginazione e “cambiare” la mentalità di tanti cittadini.

Con creatività, tenacia e impegno si può dare tanto al nostro paese per far sì che le nostre città siano create A MISURA DI TUTTI: ogni luogo pubblico deve in fase di progettazione essere pensato accessibile e fruibile ad ogni categoria di persona.

Il lavoro di questi futuri professionisti è molto incoraggiante al riguardo circa la necessaria sensibilità, oltre a competenza, che deve animare i tecnici.

PER METTERE “MI PIACE” e CONDIVIDERE gli articoli: cliccare sul titolo del pezzo e scendendo in fondo all’articolo dopo qualche secondo si aprirà: “mi piace” su cui cliccare!

 

#ControOgniBarriera 

#MOLLALOSCIVOLO 

#AccessibileFi 

#accessibility

 

Andrea Mucci

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...